Focus

 di Paolo Petroni
Presidente Accademia Italiana della Cucina  

Un Forum dei Delegati dedicato a tutti gli Accademici

Nelle pagine che seguono potrete leggere un’efficace e ampia sintesi dei lavori e degli eventi connessi con il Forum dei Delegati, che si è tenuto in Sardegna nello scorso mese di aprile. Per definizione, un forum ha lo scopo di porre all’attenzione dei partecipanti argomenti innovativi di pregnante interesse culturale e associativo. Gli invitati erano tutti i Delegati e i Legati in carica, o loro rappresentanti se impossibilitati a partecipare all’evento. Le presenze sono state numerose: 181 Delegati (153 italiani e 28 esteri). In totale, con Consultori, Coordinatori e consorti, 267 persone erano presenti a Forte Village. Il Delegato, come recita il nostro Statuto, “rappresenta l’Accademia nel suo territorio e gli Accademici della sua Delegazione ed è responsabile dell’attività della Delegazione”. Per questo motivo il Forum ha visto la loro partecipazione, ma, idealmente, esso è rivolto a tutti gli Accademici. Infatti, i Delegati debbono farsi portavoce, presso i propri associati, di quello che hanno ascoltato e visto, e del nuovo clima di partecipazione e condivisione della vita accademica. L’Accademia non è formata solo dai Delegati, ma anche dagli Accademici che debbono conoscere e vivere ogni attività sociale. Dal maggio 2015, dall’assemblea di Firenze, sono entrati in Accademia ben 1.093 nuovi soci (811 in Italia, 282 all’estero); la loro età media è attorno ai 55 anni (contro i 63 anni in generale) e, tra essi, il 34% è costituito da donne.

Queste non sono aride statistiche, sono sostanza; esse dicono di un’Accademia viva, in via di rinnovamento e ringiovanimento, attuale, motivata. Tutti, ma specialmente i nuovi arrivati (ci sono 10 nuove Delegazioni e 10 Legazioni) debbono sentirsi parte dell’Accademia, non solo della Delegazione di appartenenza. La Newsletter mensile (ora anche in inglese) è nata proprio per tenere sempre aggiornati tutti, e per questo anche i Delegati debbono trasferire ai membri della Delegazione le loro conoscenze, le loro esperienze e gli elementi appresi al Forum. Elementi fondati soprattutto su temi di grande attualità. Per la prima volta sono stati invitati relatori esterni alla nostra Accademia. Accanto ad argomenti di rilevante importanza “interna”, quali la gestione amministrativa, il ruolo culturale della Delegazione (convegni, premi, ecc.) e le peculiari attività, con i problemi connessi, delle Delegazioni all’estero, abbiamo sentito la voce della “controparte”, cioè dei cuochi, dei ristoratori, dell’industria produttrice delle nuove macchine per le cotture moderne (sottovuoto, bassa temperatura, ecc.). Abbiamo voluto anche la voce della stampa indipendente su guide gastronomiche (credibilità) e modalità di valutazione dei ristoranti.

Nell’insieme, un corpus vivace, vario, per quanto i tempi potessero concedere, e soprattutto orientato all’oggi e all’immediato futuro. Un clima di forte partecipazione, di voglia di fare sempre più e meglio, si respirava tra i partecipanti che si sono scambiati opinioni ed esperienze e che hanno potuto trasformare un elenco di nomi in volti e personalità.

Un importante evento per una grande Accademia.